Thailandia fai da te

Un tour di due settimane tra i  grattacieli di Bangkok, i templi e la natura di Chiang Mai e il mare cristallino di Koh Lipe

La Thailandia è un paese davvero speciale, ricco di paesaggi meravigliosi e di opere d'arte eccezionali.

Questo tour è nato dall'esigenza di cogliere, in sole due settimane, l'essenza di questo angolo di sud-est asiatico abitato da persone aperte e sorridenti, dove il Buddismo si respira in ogni luogo.

Sono partita dalla sua capitale Bangkok una metropoli moderna davvero affascinante che sembra non fermarsi mai; ho poi raggiunto Chiang Mai, cittadina con un' atmosfera meno caotica, ricca di templi e di una natura lussureggiante, per poi concludere la mia avventura sulle spiagge dell'isola di Lipe, un piccolo paradiso nel mare delle Andamane. 

Il caldo umido, il caos e i colori dei mercati, il misticismo dei templi, il profumo di cibi gustosi cucinati per strada, i dolci sapori dei frutti tropicali e l'arte di un buon massaggio tradizionale thailandese saranno sempre con te. E ti piacerà tantissimo.

Informazioni generali

 

Forma di governo               Monarchia
Capitale   Bangkok
Popolazione     68,86 milioni
Lingua Thailandese
Religione  Il 94,6% della popolazione è Buddhista. Vi sono minoranze musulmane e cattoliche
Ora  GMT/UTC +7 ore        Rispetto all'Italia +6 ore e con in vigore l'ora legale +5
 Moneta     Bath Thailandese      1 euro = 38,58 bath    1 dollaro USA = 31,19 bath

Posizione

La Thailandia è uno Stato del sud-est asiatico e confina a est con Laos e Cambogia, a sud con il golfo di Thailandia e la Malesia, a ovest con il mare delle Andamane e la Birmania e a nord con Birmania e Laos.

Clima: quando andare

La Thailandia ha un clima tropicale a 3 stagioni:

- stagione calda e secca da novembre a febbraio

- stagione caldissima da marzo a metà maggio

- stagione delle piogge da metà maggio ad ottobre

 Nella regione peninsulare, dove ci sono le principali destinazioni turistiche sul mare, bisogna fare una distinzione tra costa orientale e costa occidentale. Sulla costa orientale, affacciata sul golfo del Siam, i monsoni durante l'estate non sono così forti, mentre nei mesi che vanno da ottobre a dicembre le piogge sono abbondanti.

Al contrario sulla costa occidentale, affacciata sul mare delle Andamane, l'inverno è caldo e secco mentre d'estate il monsone non lascia scampo. Per questo il consiglio migliore è quello di visitare la Thailandia durante la stagione secca, quindi in inverno e se non si teme il caldo fino ad aprile, perchè si trovarà ovunque un clima ottimo, a patto di andare al mare sulla costa occidentale. Se invece non potete fare a meno di visitarla d'estate sarete a volte sorpresi da acquazzoni, soprattutto nel nord del paese, ma potrete andare al mare sulla costa orientale e nel golfo del Siam dove il monsone è più clemente e lascia spazio anche a giornate di sole.

Qualunque stagione sceglierete... l'importante è viaggiare sapendo a cosa si va incontro.

Come si raggiunge

La Thailandia si raggiunge facilmente dall'Italia in aereo, con voli delle principali compagnie aeree che la collegano da  Milano e Roma.  Soltanto la compagnia di bandiera Thailandese Thai airways però effettua voli diretti per l'aeroporto internazionale di Bangkok Suvarnabhumi (pronuncia Suvanabum). Ovviamente sono un po' più costosi (io ho speso 760 euro prenotando un mese prima della partenza) ma la compagnia è una delle migliori al mondo e in 10 ore sarai a destinazione. Se invece non ti importa allungare il viaggio facendo qualche ora di scalo è possibile strappare un prezzo migliore, anche 400 o 500 euro, a seconda della stagione e da quanto in anticipo acquisterai il tuo volo.

Trasporti

La thailandia è un paese molto esteso, pertanto spostarsi sulle lunghe distanze può richiedere molte ore di viaggio. Per gli spostamenti più lunghi ho usato dei voli interni, utilizzando la compagnia nazionale Thai airways per andare a Chiang Mai e la compagnia low cost asiatica Air Asia per volare a Koh Lipe e rientrare a Bangkok.

Per gli spostamenti brevi invece è consigliabile il treno: con carrozze di prima, seconda e terza classe puoi viaggiare con pochi euro o con pochi centesimi per coprire la stessa tratta. La differenza di prezzo è legata soprattutto alla presenza o meno dell'aria condizionata (assente in terza classe).

Nelle città come Bangkok o Chiang Mai problemi di spostamento non ce ne sono: la BTS Skytrain e la metropolitana a Bangkok, più gli onnipresenti tuc tuc, i taxi, e i servizi di navigazione lungo fiumi e canali ti consentiranno di andare ovunque spendendo davvero poco. Nella descrizione  dell'itinerario trovi tutte le spiegazioni su come usare i mezzi pubblici ovunque.

Dove dormire

Booking.com

Bangkok

A Bangkok ci sono sistemazioni adatte ad ogni tipo di esigenza: dai grandi hotel a 5 stelle alle guest house a prezzi incredibilmente economici per gli standard europei, ma ovviamente più diminuisce il prezzo e più diminuiscono la qualità, la pulizia e i servizi. 

La cosa più importante in una città così grande e caotica è scegliere un hotel che sia il più possibile vicino ad una fermata della BTS skytrain, di modo da poter raggiungere facilmente le aree di grande interesse turistico.

Secondo me la zona più strategica è quella di Siam square, zona centrale e nevralgica per visitare la città e, cercando bene, potrai trovare hotel a 4 o 5 stelle di ottima qualità a prezzi ragionevoli.

Questi per esempio rispondono a queste caratteristiche: dotati di ottimi servizi, tra cui la piscina, vicini ad una fermata BTS e nella zona di Siam:

 

Mercure Bangkok Siam 

Novotel Bangkok on Siam Square

Happy 3

Pathumwan Princess Hotel 

 

Se sei invece alla ricerca di qualcosa di esclusivo e lussuoso, gli hotel migliori a bangkok si trovano lungo il fiume Chao Praya: i prezzi si alzano, si è più scomodi con i mezzi pubblici ma la vista è ineguagliabile.

 

Mandarin Oriental Bangkok

Shangri-La Hotel Bangkok

Royal Orchid Sheraton Hotel and Towers

lebua at State Tower

 

Chiang Mai

A Chiang Mai è sicuramente meglio alloggiare all'interno delle mura, nel quadrilatero del centro storico, dove è possibile girare a piedi e avere tutto a portata di mano.

 

The Twenty Lodge

Lanna Tree Boutique Hotel

Decharme Hotel

Pingviman Hotel

 

Koh Lipe

L'isola di Lipe offre ai turisti numerose possibilità di alloggio, dai resort esclusivi alle guest house economiche. Consiglio di prenotare con qualche mese di anticipo, soprattutto se si viaggia in alta stagione, perchè le soluzioni più belle e convenienti vanno letteralmente a ruba. Il posto migliore dove alloggiare secondo me è la Sunrise beach, la spiaggia più bella e tranquilla dell'isola. Vi sono diversi resort con bungalows sulla spiaggia che, senza essere lussuosi, offrono i servizi indispensabili per passare giornate all'insegna del relax.

 

Lipe Beach Resort

Cabana Lipe Beach Resort

Ten Moons Lipe Resort

 Serendipity Beach Resort Koh Lipe

Itinerario di due settimane

giorno 1 Arrivo a Bangkok - visita mercato Chatuchak - Moon Bar
 giorno 2 Bangkok - visita complesso  Palazzo Reale - Wat Poh - mercato degli amuleti - Wat Arun e Khao San Road

giorno 3

Gita ad Ayutthaya antica capitale
giorno 4 Visita a Chinatown - partenza in serata per Chiang Mai
giorno 5 Visita ad un Elephant Sanctuary
giorno 6 Visita centro storico di Chiang Mai con i suoi templi e mercati - Tempio Doi Suthep
giorno 7 Visita al Doi Inthanon National Park
giorno 8 Volo per Hat Yai e trasporto in minibus e barca con arrivo a Koh Lipe
giorno 9 Mare e relax a Koh Lipe
giorno 10 Mare e relax a Koh Lipe
giorno 11 Gita in barca - snorkeling
giorno 12 Volo di ritorno a Bangkok
giorno 13 Bangkok - Lumphini Park - Pratunam - Asiatique
giorno 14 Volo di ritorno

Giorno 1

Atterrato all'aeroporto internazionale di Bangkok Suvarnabhumi segui le indicazione e recati presso la barriera del controllo passaporti. Per l'ingresso nel paese non è necessario fare vaccinazioni e nemmeno acquistare un visto. E' sufficiente presentare:

- il passaporto valido almeno 6 mesi

- il modulo di immigrazione TM6 compilato, composto da una sezione per l'arrivo e una sezione per la partenza. 

Il modulo TM6 lo consegnano direttamente  sull'aereo o lo trovi ai desk presenti prima del controllo passaporti. I dati richiesti, oltre ai tuoi dati anagrafici, sono il n. di passaporto, il n. di volo (che trovi sulla tua carta d'imbarco) e il nome dell'hotel dove hai prenotato il tuo soggiorno.

 

Superati i controlli sei ufficialmente in Thailandia.

I passi successivi  sono recuperare i bagagli e procurarti dei bath, cioè la moneta locale. In aeroporto ci sono diversi uffici dove cambiare gli euro (devi mostrare il passaporto) oppure puoi semplicemente prelevare dagli sportelli ATM con la carta di credito.

 

Ora sei pronto per recarti verso il centro di Bangkok e raggiungere il tuo hotel.

I sistemi più semplici e veloci sono due:

 

1- Il treno della linea city line + bts skytrain o metropolitana

 

Segui le indicazioni per la city line che ti porteranno al piano B dell’aeroporto.

Poco prima dei tornelli di accesso ai  binari del treno c’è la biglietteria. Dall’aeroporto al capolinea Phaya Thai, dove c’è la connessione con il BTS sky train, il gettone costa 42 bath, poco più di 1 euro, e il tempo di percorrenza è di circa 30 minuti. Conserva il gettone nero  durante il viaggio perché ti servirà per uscire una volta arrivato a destinazione.

Disponibile dalle 6 del mattino a mezzanotte con una frequenza di 15 minuti è sicuramente il miglior modo per raggiungere il centro città  e sicuramente il più economico.

Queste le fermate della city line:

  • Suvarnabhumi International Airport
  • Lat Krabang Station
  • Ban Thap Chang Station
  • Hua Mak Station
  • Ramkhamhaeng Station
  • Makkasan City Terminal   - connessione con la metropolitana
  • Ratchaprarop Station
  • Phaya Thai – connessione con il BTS Skytrain

Se il tuo hotel è sulla linea del BTS skytrain come consiglio, una volta raggiunto il capolinea Phaya Thai segui le indicazioni per raggiungerlo.

Il BTS skytrain è  la metropolitana sopraelevata di Bangkok, veloce, efficiente, panoramica e con l'aria condizionata (pure troppa). 

E' il modo più comodo in assoluto per spostarsi in città , poiché a Bangkok il traffico è sempre intenso e caotico. I ticket li puoi acquistare nelle biglietterie specificando la tua stazione di destinazione oppure presso i distributori automatici che funzionano con le monete. Se non disponi di moneta nelle biglietterie ti cambiano i soldi senza problemi. Devi solo selezionare il numero di fermate dalla stazione di partenza a quella di destinazione e il prezzo del biglietto dipenderà proprio da quante saranno. Il biglietto comunque costa da un minimo di 15 ad un massimo di 54 bath.

Sono disponibili due linee: 

 

-La Sukhumvit Line (verde chiaro)

-La Silom Line (verde scuro)

 

In ogni stazione trovi le mappe dettagliate con le fermate e i cartelli che indicano i binari da dove partono i treni per i vari capolinea.

Se il tuo hotel non si trova su una delle linee del BTS skytrain hai anche come alternativa l’unica linea di metropolitana sotterranea. In questo caso scendi alla fermata Makkasan della city line e poi segui le indicazioni per la metropolitana M.

2- il taxi

Per andare dall'aeroporto in centro puoi anche usare il taxi. Segui le indicazioni per i Public Taxi al level 1 e mettiti in coda. La tariffa la stabilisce il tassametro ma bisogna aggiungere il pedaggio autostradale che è a carico del passeggero. In totale la spesa si aggira intorno ai 400/500 bath. Spesso i taxisti propongono di concordare il prezzo della corsa prima di partire. Se accetti spegneranno il tassametro. Di solito però l’importo è più conveniente per loro quindi puoi semplicemente chiedere ed insistere che tenga il tassametro acceso. In aeroporto ci sono anche dei cartelli che riportano un numero di telefono da chiamare nel caso riscontri irregolarità nel comportamento del taxista. Una foto a quel numero non guasta, non si sa mai.

Questo sistema è molto più costoso del precedente ma è sicuramente più comodo se hai molti bagagli da trasportare.

 

 

Giunto finalmente in hotel verifica che la tua camera sia già disponibile. Se non lo fosse nessun problema, di solito gli hotel consentono di accedere ai loro servizi per rinfrescarti, cambiarti e soprattutto lasciare i tuoi bagagli in custodia fino al tuo ritorno.

Una volta sistemato sei pronto per tuffarti nel caos di Bangkok. Il primo giorno è un po’ faticoso a causa del caldo umido a cui non si è abituati (soprattutto se in Italia è inverno) e della stanchezza del viaggio aggravata dal fuso orario. Ma un giro esplorativo giusto per rendersi conto  di com'è la città è d'obbligo. Io, partendo di sabato sono arrivata molto presto di domenica mattina e quindi non mi sono lasciata sfuggire la mia unica occasione di vedere il mercato di Chatuchak.

Il Chatuchak market è uno dei mercati coperti più grandi al mondo. Aperto dalle 9 alle 18 di sabato e domenica si raggiunge con il BTS scendendo al capolinea della sukhumvit line Mochit oppure alla fermata della metropolitana Chatuchak Park.  In vendita c'è praticamente di tutto: dall'abbigliamento agli animali domestici, dal cibo all'artigianato, dagli arredi per la casa agli elettrodomestici. 

Prima di andarci però consulta la mappa qui sotto perchè potresti perdere l'orientamento. Nulla di grave, ma rischi di camminare molto più del previsto e di stancarti inutilmente nel tentativo di ritrovare la strada.

Dopo il mercato fai un passaggio in hotel per una doccia (a Bangkok non sono mai abbastanza) e per vestirti elegante: il Moon bar ti aspetta per uno scenografico aperitivo.

Questo famosissimo sky bar si trova sulla terrazza all'ultimo piano del Banyan Tree hotel che potrai raggiungere scendendo alla fermata Sala Daeng del BTS e poi prendendo un Tuc Tuc.

Con i guidatori di Tuc Tuc dovrai imparare presto ad averci a che fare, perchè questi mezzi sono estremamente comodi per raggiungere i luoghi non coperti dal sistema di trasporti pubblico. Mostrati sempre sicuro di sapere dove ti trovi e dove vuoi andare e prima di salire assicurati di aver raggiunto l'accordo sul prezzo che va comunque sempre contrattato.

Se riesci cerca di arrivare per l'ora del tramonto, lo spettacolo è meraviglioso e c'è più probabilità di trovare un tavolo libero.

Quando arrivi al Banyan Tree chiedi del Moon Bar in reception,  ti indicheranno gli ascensori e il piano a cui arrivare. Dovrai scendere al 59° piano e fare poi due piani di scale a piedi per raggiungere il Moon Bar. Attenzione al dress code. Non è severissimo ma se non sei vestito adeguatamente dovrai metterti i vestiti che ti forniranno loro  o rinunciare e andartene. Le donne se la cavano con un vestito carino e dei sandali eleganti anche bassi, gli uomini non possono entrare in shorts, devono avere il pantalone lungo. Ma ne vale la pena...che ne dici ?

Giorno 2

Oggi finalmente ti svegli riposato e pieno di energia, pronto ad esplorare Bangkok in tutta la sua speciale bellezza. Ti consiglio di dedicare questa giornata alla visita del Wat Phra Kaew cioè del Tempio del Buddha di smeraldo e del complesso del Grande Palazzo Reale, l'antica residenza del sovrano Thailandese.

Sicuramente la visita ti occuperà gran parte della mattinata e magari anche qualcosa in più…dipende da che ora ti svegli. Io non sono una fanatica delle levatacce e nemmeno una fanatica dei tour forzati. Non devo per forza sempre vedere tutto ma solo quello che mi interessa e alla giusta velocità. Dopo tutto le vacanze sono vacanze.

Innanzi tutto vediamo come arrivarci.

Il complesso del Palazzo Reale si trova lungo il fiume Chao Phraya, quindi è assolutamente un must arrivarci in battello.

Prendi il BTS e scendi alla fermata Saphan Taksin della Silom Line. Scendi le scale e dirigiti sul fiume  verso il Sathorn o Central Pier (a sinistra), sotto il Sathorn Bridge.

Le linee di navigazione a disposizione sono: la local line, la yellow line, la green line, la orange line e la blue line (Chao Phraya Tourist Boat).

La linea sicuramente più utile e che ti consiglio di usare  è la orange line, poichè è in servizio tutti i giorni dal lunedì alla domenica, viaggia  con una frequenza di 20 minuti, ha una tariffa fissa di 15 bath indipendentemente dalla tua destinazione e si ferma in tutti i moli di interesse turistico.

La blue line (Chao Phraya Tourist Boat) che è stata ideata appositamente per i turisti te la sconsiglio perchè più costosa. Il biglietto singolo costa 50 bath  e in più offre il  servizio hop on hop off, cioè puoi acquistare un abbonamento giornaliero (180 bath) che ti consente di salire e scendere a qualunque fermata per tutto il giorno. Quindi a meno che tu non voglia trascorrere la giornata a fare la spola tra un molo e l'altro non è assolutamente conveniente.

Le altre linee invece coprono lo stesso percorso della orange line ma viaggiano solo da lunedì a venerdì e non sempre effettuano tutte le fermate.

Per non sbagliare tieni sempre presente che i battelli di ogni linea  si distinguono dalla bandiera che sventola sulla loro prua, ad eccezione della local line che non ha bandiera. 

Eventuali altre informazioni le puoi trovare sul sito della compagnia di navigazione pubblica Chao Phraya Express Boat

La biglietteria della orange line la trovi al molo. E' un tavolo dietro il quale c'è un addetto che al pagamento di 15 bath ti consegna un ticket di carta sottilissima grande come un francobollo. Non perderlo perchè sul battello passerà un controllore ad obliterarlo. Nelle ore di punta le corse sono molto affollate, ma se sei fortunato potrai sederti e goderti la navigazione sul fiume Chao Phraya e il panorama sulla città.

Per raggiungere il Palazzo Reale scendi alla fermata n. 9 Tha Chang, attraversa un piccolo mercato dove vendono un po' di tutto, soprattutto frutta fresca già sbucciata e lavata, succhi di frutta e smoothies e prosegui dritto di fronte a te. Attraversa la strada e costeggiando il muro di cinta dell'area del Palazzo Reale raggiungi il cancello di ingresso, non il primo (che è l'uscita) ma il secondo cancello aperto che vedi.

Qui ci sarà il controllo del tuo abbigliamento. Poichè stai accedendo ad un'area sacra, non è consentito avere le spalle e le gambe scoperte. Se non hai queste parti del corpo coperte o indossi abiti trasparenti non potrai entrare. Consiglio quindi gonne o pantaloni  lunghi e leggeri e una maglietta o camicia a manica corta, che copra però le spalle completamente. Nei negozi vicini al Palazzo Reale puoi trovare a pochi euro pantaloni e gonne pareo con simpatiche stampe thailandesi che sono perfette per l'occasione. Ti serviranno anche nei prossimi giorni, poichè i templi da vedere sono davvero molti. Tieni infine presente che per entrare nei templi dovrai toglierti le scarpe, quindi se l'idea di stare a piedi nudi non ti piace porta con te dei calzini da indossare all'occorrenza.

Superati i controlli segui le indicazioni per la biglietteria. L'intero complesso può essere visitato ogni giorno dalle 8.30 alle 15.30 e l'ingresso costa 500 bath (circa 12 euro). Sarà probabilmente la spesa maggiore che sosterrai per una visita turistica, e comunque vedrai che ne sarà valsa la pena.

L'area da visitare è enorme, ricca di templi e palazzi dorati decorati finemente. La visita del Wat Phra Kaew è sicuramente il momento top dell'intera visita, poichè il buddha di smeraldo che vi è custodito all'interno è una delle statue più venerate in Thailandia ed è meta di pellegrinaggio da parte dei Thailandesi in ogni periodo dell'anno. La vastità dell'area da visitare, il caldo intenso e l'affollamento metteranno a dura prova la tua resistenza, ma verrai ripagato dall' incredibile  bellezza di questi templi e dall'atmosfera unica che si respira ad ogni angolo. 

Una volta terminata la visita prendi l'uscita e torna sui tuoi passi, da dove sei venuto, gira a sinistra e costeggia il muro di cinta del Grande Palazzo Reale e prosegui a piedi per una decina di minuti. Se non hai voglia di camminare c'è sempre l'opzione Tuc Tuc che trovi ovunque nei dintorni.

Destinazione Wat Poh, aperto dalle 8.30 alle 18.30 con ticket d'ingresso acquistabile con 100 bath.

Il Wat Poh è un complesso vasto che vanta al proprio interno il Buddha reclinato più grande della città, davvero impressionante, una delle maggiori collezioni di statue del Buddha di tutta la Thailandia nonchè il centro nazionale per l'insegnamento e la conservazione della medicina tradizionale thailandese, di cui fa parte anche l'arte del massaggio thailandese. Se dopo una visita vuoi alleviare la stanchezza  segui le indicazioni per la scuola di massaggio. Tieni presente che l'attesa sarà lunga. Una soluzione può essere andare a prenotare il tuo massaggio e poi nell'attesa visitare i templi circostanti.

Terminata la visita del Wat Poh sarai stremato dalla stanchezza e dal caldo. Poichè l'ora di pranzo è passata da un po' forse è il caso di mettere qualcosa sotto i denti. Prendi un tuc tuc e fatti portare al mercato degli amuleti che si trova nei dintorni del Grande Palazzo Reale. Questa zona della città è molto vivace e piena di locali interessanti dove poter mangiare e bere qualcosa di fresco, per esempio una birra thailandese (una Chang o una Singha). Dopo che ti sarai ripreso potrai fare una passeggiata all'interno del mercato, molto particolare, pieno di bancarelle dove vendono medagliette con immagini sacre molto care ai thailandesi. Ognuno di loro possiede un amuleto che li protegge e li aiuta nelle più disparate situazioni. E poi potrai fare anche degli incontri interessanti.

Dal mercato degli amuleti dirigiti verso il vicinissimo molo di Prah Chan  e prendi un battello che ti porterà sull'altra sponda del fiume e poi un altro battello che ti porterà al Wat Arun. Impossibile sbagliare, si vede dal fiume perchè è molto alto. E' aperto dalle 8 alle 18.00 e l'ingresso costa 50 bath. La visita non porterà via molto tempo e il Central Pier per ritornare in hotel è vicino.

Alla sera se hai ancora energie prendi un Tuc Tuc (se sei lontano avvicinati il più possibile con il BTS) e fatti portare in Khao San Road, la via dei backpackers provenienti da tutto il mondo. E' una zona pedonale, cosa rara a Bangkok, molto affollata e piena di turisti, dove vi sono moltissimi  locali dove cenare, street food a volontà e molti pub dove bere, ballare e divertirsi fino a tarda ora. Io ne ho approfittato anche per fare un bel massaggio ai piedi di 30 minuti per 150 bath. Ci voleva dopo una giornata intera di cammino.

Giorno 3

Prenditi un giorno di tregua dalla caotica Bangkok e goditi una gita fuori porta ad Ayutthaya, l’imperdibile antica capitale del regno del Siam. La giornata di visita puoi facilmente organizzarla da solo e tra i mezzi con cui è possibile raggiungere questa cittadina io ho scelto il treno perché economico, comodo e relativamente veloce.

Raggiungi con un Tuc Tuc (o BTS + Tuc Tuc a seconda di dove si trova il tuo albergo)  la stazione di Hua Lamphong che si trovai n centro ed è la principale stazione della città. All’ingresso nell’atrio la biglietteria si nota subito: c’è uno sportello dedicato ai turisti stranieri.

Le carrozze sui treni thailandesi possono essere di prima, seconda o terza classe. La prima classe c’è solo sui treni di lunga percorrenza, i sedili si trasformano in letti, la seconda classe è con aria condizionata mentre la terza classe non ha l’aria condizionata ed assomiglia molto ai nostri vecchi treni regionali. I prezzi differiscono molto a seconda se si prenota un posto a sedere con l’aria condizionata (fino a 250 bath per andare ad Ayutthaya) o si sceglie la terza classe senza posto assegnato (15 bath).

Gli orari dei treni con le relative tariffe li trovi qui:

Io ho scelto il treno espresso delle ore 8.20 diretto a Nong Khai  che ferma ad Ayutthaya alle 9.41, dopo 71 km di percorrenza. Ho acquistato un biglietto di terza classe al costo di 15 bath (meno di 50 centesimi di euro) e non me ne sono pentita. E’ stata una bella esperienza viaggiare con tanti thailandesi, giovani studenti con i libri di scuola, lavoratori con le merci da vendere al mercato, mamme con bambini e anziani. C’è davvero un gran bel movimento di persone che salgono e scendono dal treno, mentre dai finestrini aperti ti scorre davanti la periferia di Bangkok e poi l’aperta campagna. Se il treno sarà affollato vedrai che faranno di tutto per farti sedere cedendoti il loro posto. Sono di una gentilezza incredibile. Se vuoi sentirti perfettamente in sintonia con l’ambiente circostante acquista una bibita ghiacciata coloratissima da una delle venditrici che fanno la spola da una carrozza all’altra. Visto il caldo su questi treni è un must   

Arrivato alla stazione di Ayutthaya troverai nell'atrio un banco dove distribuiscono ai turisti la mappa dell'isola dove si trova il centro storico con i principali templi da visitare e un foglio con la tabella degli orari dei treni da consultare per il ritorno.

Visitare Ayutthaya può essere impegnativo a causa delle distanze a volte grandi tra un tempio e l'altro. Le opzioni quindi sono tutto sommato due: noleggiare una bici o prendere un tuc tuc. Io ho scelto questa seconda opzione perchè ho valutato che la giornata fosse troppo calda e umida per pedalare.

Qualunque mezzo tu scelga non noleggiarlo subito fuori dalla stazione perchè ti costerà di più. Attraversa la strada e percorri a piedi la via che trovi davanti a te, dove ci sono banchi di street food e piccoli ristorantini.  Arrivato al fiume acquista il biglietto per attraversarlo su una piccola imbarcazione al costo di pochissimi bath. Una volta arrivato sull'isola 

comincia la contrattazione. Io ho noleggiato un tuc tuc per mezza giornata a 600 bath (circa 15 euro). E' una soluzione davvero comoda che ti consente di farti scarrozzare da un tempio all'altro senza fatica, semplicemente godendoti il panorama. Per camminare c'è tempo: le aree dei templi sono enormi quindi non ti risparmierai comunque.

Terminata la visita puoi fare un pranzo un po' tardivo in uno dei ristoranti presenti lungo la via che porta alla stazione...cibo ottimo a prezzi incredibilmente bassi. E per dissetarsi dell'ottima birra thailandese e uno smoothie al mango. Al ritorno il treno delle 15.35 o delle 15.59 ti riporterà a Bangkok tra le 17 e le 18.

In serata, se hai ancora energie, puoi perderti nei più grandi centri commerciali del centro di Bangkok, nella zona di Siam Square, come l'MBK, il Siam Paragon o il Siam Center. Sono aperti fino alle 22. Dopo tanta cultura un po' di shopping ci vuole.

Giorno 4

Oggi hai a disposizione poco più di mezza giornata per visitare tutto ciò che ti va a Bangkok prima di partire alla volta di Chiang Mai. Effettua il check out in hotel e chiedi di poter lasciare i bagagli in custodia mentre ti godi la mattinata in giro per la città.

Io ho scelto di visitare China Town, davvero interessante, caotica e coloratissima, ricca di opportunità di fare shopping e di assaggiare del prelibato street food. 

Per arrivarci e facilissimo. Torna alla fermata del BTS Saphan Taksin e dirigiti verso il molo Central Pier o Sathorn Pier dove sei stato il secondo giorno. Prendi la orange line e scendi dal battello alla fermata n. 5 Ratchawong.

Dal molo prosegui dritto ed entra nel cuore di China Town. Dalle strade super trafficate agli enormi mercati  verrai investito da un miscuglio di profumi, rumori e colori. Divertiti ad assaggiare tutto ciò che ti ispira sulle bancarelle, dal salmone al pollo fritto, dalle frittelle alle banane grigliate. Troverai davvero di tutto sulle piastre fumanti disseminate un po' ovunque nel quartiere.

Nel pomeriggio rientra in hotel, recupera i bagagli e dirigiti all'aeroporto Suvarnabhumi utilizzando sempre il treno della city line, comodo ed economico. 

Il volo per Chiang Mai dura poco più di un ora, puoi prenotarlo sul sito della Thai airways e costa circa 35 euro (solo andata).

Arrivato a Chiang Mai all'ora di cena e recuperato il bagaglio dirigiti verso l'ufficio della Taxi Metro. Comunica il nome dell'hotel che hai prenotato e ti daranno il numero dl taxi che ti è stato assegnato e che ti aspetterà fuori dall'aeroporto. Devi pagare al taxista la tariffa fissa di 150 bath. Giunto in hotel, check in, doccia e via per le strade di Chiang Mai alla ricerca di un buon ristorante dove cenare. 

Giorno 5

Chiang Mai è un piccolo tesoro ed è fonte di orgoglio nazionale per le sue bellezze naturalistiche e artistiche. Nonostante sia la seconda città della Thailandia per grandezza è ancora un luogo dove poter respirare un’atmosfera rilassata, lontana anni luce dal caos e dalla frenesia della capitale Bangkok. Chiang Mai ha un centro storico a forma di quadrilatero, chiuso da mura e circondato da un canale d’acqua, dove non ci si annoia mai. Vi sono numerosi e bellissimi templi da visitare, molti locali esotici e ristoranti dove rilassarsi, bere una buona birra e sentire della musica dal vivo e molti mercati vivaci dove perderci ore di shopping. Ma Chiang Mai non finisce qui. Nei dintorni si possono fare moltissime escursioni ed attività sportive come trekking e rafting, puoi esplorare le foreste, andare in bici tra le risaie, prenotare una chiaccherata con i monaci, andare a visitare una rifugio per elefanti, fare moltissimi massaggi tradizionali, bere smoothies deliziosi con mango, cocco e altri frutti tropicali, partecipare a corsi di cucina thailandese. Insomma, una città da non perdere.

Per staccare un po' dall'ambiente cittadino e dalla visita ai templi, ho deciso di trascorrere la mia prima giornata a Chiang Mai in un rifugio per Elefanti, L'Elephant Jungle Sanctuary.

Questo rifugio, come tanti altri in Thailandia, (vedi anche il più famoso Elephant Nature Park) si occupa di accogliere gli elefanti in passato maltrattati ed usati per i lavori di fatica e di garantire loro una vita il più possibile libera e serena in un ambiente naturalistico selvaggio a circa 60 km dalla città.

La visita ai turisti è consentita grazie ad un progetto di eco turismo che viene realizzato nel pieno rispetto degli animali e della sicurezza di tutti.

Sono possibili visite di mezza giornata o di una giornata intera, mentre per i più appassionati sono previste anche visite di due giorni con pernottamento presso famiglie del luogo.

Qui sotto i dettagli di ogni tipologia di visita, i programmi e i costi:

Io ho scelto la visita di mezza giornata nel turno pomeridiano al costo di 2500 bath, circa 60 euro. Ho prenotato direttamente sul sito un paio di giorni prima e pagato con carta di credito. Immediatamente dopo l'acquisto ricevi una mail di conferma della prenotazione e i dettagli del ritrovo.

La giornata si svolge così:

Vengono a prenderti con il pick up direttamente in hotel alle ore 11.30, il viaggio dura circa 1 ora e mezza. All'arrivo una breve passeggiata nella natura ti porterà al campo dove risiedono gli elefanti. Un volontario ti darà una casacca tradizionale delle popolazioni Karen da indossare, ti spiegherà un po' la storia degli elefanti in Thailandia e qualcosa sulla loro vita e la loro alimentazione. Dopo di che ti verranno presentati gli elefanti ed avrai l'opportunità di dargli da mangiare banane a volontà, o lasciandogliele prendere con la proboscide o appoggiandole direttamente nella loro bocca spalancata.

Finito il  pasto è il momento di mettersi il costume da bagno ! Gli elefanti vengono condotti in una grande pozza dove ci si può divertire a spalmarli di fango, un toccasana per la loro pelle esposta costantemente al sole. Dopo di che andrete tutti insieme al fiume per fare il bagno con loro e risciacquarli dal fango. Dopo il bagno avrai modo di fare una doccia, e infine verrà servito intorno alle 16.00 un pranzo tradizionale thailandese compreso nel prezzo.

Ricordati di portare con te il costume da bagno, un asciugamano, della crema solare ed eventualmente un cambio di vestiti.

Dopo questa bella giornata il rientro in hotel è previsto intorno alle 17.30.

La serata trascorrila nel centro storico  di Chiang Mai: ti sei meritato un bel massaggio tradizionale thailandese alla modica cifra di 200/300 bath e una cena prelibata. Ti segnalo che puoi trovare  anche diversi ristoranti indiani davvero ottimi. 

Giorno 6

Chiang Mai è anche la città dei templi, pensa che solo nel quadrilatero del centro storico ce ne sono più di trenta. Di solito si visitano i più caratteristici, anche perché a lungo andare, per quanto straordinari, sono alla fine tutti più o meno uguali. Quello che colpisce subito è l’architettura tipica del Regno di Lanna che dominava Chiang Mai in un lontano passato (18 secolo), che prevede sempre un chedi o stoupa spesso dorato  volto ad ospitare reliquie del Buddha e ceneri dei re. L’oro, i ricami e le decorazioni rendono questi templi davvero belli, così come è affascinante vedere i thailandesi  pregare, meditare e portare offerte a Buddha e ai monaci.

Io ho trascorso la mattina di questo 6 giorno passeggiando per la città alla scoperta di questi templi, tra i quali il Wat Chedi Luang e il Wat Chiang Man. Gli ingressi costano 50 bath e ovviamente, in quanto luoghi sacri, è indispensabile un abbigliamento consono (le solite gambe e spalle coperte).

Puoi spostarti tranquillamente tra un tempio e l'altro a piedi all'interno del centro storico, ma se vuoi muoverti più velocemente e il caldo ti da noia c’è sempre l’opzione Tuc Tuc: con circa 100 bath (3 euro) raggiungerai velocemente la destinazione prescelta. L'alternativa al Tuc Tuc a Chiang Mai si chiama Songthaew. E' un taxi collettivo di colore rosso, un pick up con il cassone coperto e delle panche per sedersi. Lo puoi fermare alzando un braccio quando ne vedi uno passare per strada e l'autista a seconda del luogo dove devono andare i passeggeri sceglie l'itinerario da seguire. 

Nel pomeriggio non puoi assolutamente perderti il Wat Phra That Doi Suthep, chiamato semplicemente Doi Suthep. E' uno dei templi più famosi e venerati di tutta la Thailandia, meta di pellegrinaggi da parte di buddhisti provenienti da tutto il paese. La sua particolarità è che si trova a circa 15 km fuori Chiang Mai e che fu costruito su di un monte a 1000 m di altezza, da dove è possibile ammirare il panorama sulla città.

Per arrivarci puoi fermare un Songthaew, che oltre a portarti in giro per la città può portarti anche in località più distanti. Con 600 bath (15 euro) puoi chiedere all'autista di portarti al tempio, di aspettarti fino a fine visita e riportarti all'hotel.  Puoi contrattare il prezzo ma sotto una certa cifra non scenderanno perchè c'è un po' di strada tutta curve da fare e rimangono occupati per diverse ore. 

L'accesso al tempio si raggiunge salendo una lunga scalinata di più di 300 gradini affiancati da due Naga, i serpenti drago della mitologia buddista.

Al termine della scalinata ti troverai sul piazzale di accesso al tempio. Troverai la biglietteria per l'acquisto del ticket di ingresso, solo per i turisti, dal costo di 30 bath (poco meno di un euro).

La bellezza e l'atmosfera di questo grande tempio è innegabile. Il centro di meditazione, i monaci che danno le benedizioni e accettano le offerte, i fiori di loto depositati davanti alle statue del Buddha, gli inchini, le mani giunte e l'incenso che brucia ti faranno immergere in un mondo quasi magico. Unica nota stonata è che spesso il tempio è affollatissimo e l'enorme quantità di turisti, a volte poco osservanti delle regole di silenzio e rispetto che si confanno ad un luogo sacro, rovinano un po' il misticismo del luogo.

Al termine della visita e rientrato a Chiang Mai puoi dedicare la tua serata, oltre che ad una buona cena e ad un buon massaggio Thai, al  notissimo mercato notturno della città  che raggiunge la sua massima estensione il sabato e la domenica con le famose saturday walking street e sunday walking street. Troverai, oltre all'immancabile street food, tanto abbigliamento, spezie, articoli per la casa, collane e braccialetti, sciarpe di seta. Via allo shopping ! 

Giorno 7

Dopo una giornata di templi e shopping è arrivato il momento di tuffarsi di nuovo in mezzo alla natura.

E' un peccato non farlo visto che  Chiang Mai è circondata di montagne ricoperte di foreste tropicali caratterizzate da una vegetazione lussureggiante, da cascate e fiumi dove potrete anche fare il bagno. Ho deciso pertanto di dedicare il mio ultimo giorno in questo angolo di Thailandia al Doi Inthanon National Park.

Per fare questa escursione mi sono appoggiata ad una agenzia di Chiang Mai che mi è stata tanto raccomandata: la TAD TRAVEL & TOURS.

Ho scelto l'escursione di una sola giornata al costo di 42 euro a persona. Sembra cara ma effettivamente vengono a prenderti in hotel al mattino e ti riportano indietro nel tardo pomeriggio con un pullmino da 15 posti con aria condizionata, la guida parlante inglese passerà la giornata con te e gli potrai fare tutte le domande che vuoi (la proverbiale gentilezza thailandese è realtà), farai delle soste lungo il percorso per  ammirare cascate, passeggiare sulla cima più alta di Thailandia (2595 metri), visitare i due Chedi gemelli costruiti in onore del precedente re e di sua moglie, pranzare con cibo tipico thailandese, fare un trekking di un paio d'ore nella foresta e tra le piantagioni di fragole e caffè con sosta per un bagno nel fiume (porta costume e asciugamano), e concludere la giornata con un buon caffè macinato al momento. La gita è  ben organizzata, il trekking molto semplice e l'occasione di incontrare altri turisti provenienti da altri paesi del mondo renderanno ancora più bella questa giornata.

Questa è la tua ultima serata a Chiang Mai. Goditi un aperitivo e una cena rilassante nei molti locali del centro, prepara di nuovo i bagagli e via...pronti a partire per il mare...finalmente !

Giorno 8

Ogni vacanza in Thailandia che si rispetti deve prevedere almeno qualche giorno in una delle sue isole da sogno. Non è stato affatto facile scegliere, poichè sono moltissime, tutte con delle spiagge meravigliose e più o meno facili da raggiungere. Poichè ce n'è per tutti i gusti ognuno deve cercare l'isola che fa al caso proprio. Ci sono quelle  super turistiche ed affollate, quelle famosa dove tutti vogliono andare, quelle conosciute per la loro intensa vita notturna e quelle invece che sono ancora dei paradisi da scoprire e che hanno i servizi essenziali e nulla più. Ovviamente è meglio anche dare un occhio alla stagione. A seconda del periodo in cui andate è meglio scegliere una zona piuttosto che un altra.

Io volevo un isola con un mare bellissimo, con il tempo bello, poco affollata ma nemmeno troppo noiosa, con qualche locale dove fare buoni aperitivi alla sera. Ho scelto Koh Lipe e non me ne sono pentita.

Koh Lipe si trova nel mare delle Andamane vicinissimo alla Malesia, quindi meteorologicamente parlando perfetta per l'inverno e la primavera fino ad aprile.  Raggiungerla richiede un po' di pazienza ma ti assicuro che ne vale la pena.

Io ho prenotato sul sito di Air Asia, la compagnia aerea low cost asiatica, un volo da Chiang Mai ad Hat Yai di circa due ore con partenza prevista al mattino presto (ore 6.50). Per il proseguio del viaggio ho prenotato il trasferimento in minibus dall'aeroporto di Hat Yai al porto di Pak Bara + il trasferimento in barca dal porto di Pak Bara all'isola di Koh Lipe sul sito thaibeachtravellers.com

L'acquisto dei tickets (andata e ritorno) puoi farlo direttamente online. Una volta effettuato il pagamento i biglietti ti verranno inviati via mail all'indirizzo di posta elettronica indicato con tutte le informazioni di cui necessiti. Attenzione solo al nome della compagnia di trasporto riportata sul biglietto, non è detto che quella del ritorno sia la stessa dell'andata.

Uno sguardo ai costi: ho pagato 76 euro il volo per hat Yai (solo andata) e il minibus e la barca, andata e ritorno fino all'aeroporto (sempre di Hat Yai) 44 euro.  Al porto di Pak Bara, poichè Koh Lipe si trova nel Tarutao National Marine Park, dovrai pagare anche un ticket di ingresso di 200 bath.

Nel  pomeriggio arriverai finalmente a Koh Lipe: spiagge bellissime, mare da sogno e tanto tanto relax.

Giorni 9, 10, 11

Kho Lipe è un isola molto piccola, lunga 2 km e larga 2,5. La sua caratteristica principale è che vi sono 3 bellissime spiagge, ciascuna per ogni lato dell'isola:

 

- Pattaya beach: pienissima di locali e resorts è molto frequentata e spesso affollata, soprattutto nei periodi di alta stagione. Vi si trova il pontile di imbarco e sbarco dei turisti e moltissime sono le barche attraccate in attesa di passeggeri. E' una spiaggia vivace di sabbia bianca fine per chi desidera un po' di movimento e di musica.

 

- Sunrise beach: secondo me la più bella, con sabbia bianca finissima e locali e resort più radi e discreti. E' l'ideale per chi vuole godere del sole e del mare in tutta tranquillita, senza confusione. 

 

- Sunset beach: sicuramente la più selvaggia e meno curata dell'isola. Molto più piccola delle altre e in posizione un po' defilata rispetto alle altre è pero perfetta per degli ottimi aperitivi serali. Si chiama sunset proprio perchè è esposta ad ovest, e ogni sera si possono ammirare dei bellissimi tramonti sorseggiando un drink.

Poichè Kho Lipe si trova in un parco marino ed è circondata da tante isole disabitate, è possibile durante il giorno noleggiare una long tail boat, barca tipica thailandese, per farsi portare a visitarne qualcuna, fare snorkeling o semplicemente godersi una spiaggia deserta.

In alternativa i resort organizzano, appoggiandosi ad agenzie locali specializzate, delle escursioni nel parco marino  di mezza giornata per 450 bath e frutta fresca compresa nel prezzo  o di una giornata intera  dai 550 ai 650 bath con pranzo incluso.

Le escursioni prevedono delle soste nelle isole più belle per fare snorkeling sulla barriera corallina ricca di pesci colorati.  

La vita dell'isola si concentra su un'unica via, la walking street, che sfocia su Pattaya beach. Una via pedonale ricca di ristoranti dove mangiare ottimo pesce alla griglia e di locali dove bere cocktails e ascoltare della buona musica live ! L'atmosfera è ovunque rilassata e informale quindi dimenticatevi le scarpe: su quest'isola non sono necessarie. Le infradito andranno benissimo anche di sera.

Giorno 12

Purtroppo i giorni paradisiaci al mare volgono al termine. In questa giornata hai giusto il tempo di fare un'ultima passeggiata mattutina  sulla spiaggia, preparare i bagagli, fare il check out e partire.

Dovrai ripercorrere lo stesso viaggio dell'andata, con barca e minibus fino all'aeroporto di Hat Yai e poi prendere un volo per tornare a Bangkok e concludere il tour. Io ho scelto la speed boat delle 13.30 che mi ha consentito di arrivare in aeroporto nel tardo pomeriggio e poter prendere così il volo Air Asia  per Bangkok Don Mueang, l'aeroporto minore di Bangkok, alle ore 19.15 e atterrato nella capitale alle 20.45. Il biglietto l'ho prenotato online ed è costato 43 euro.

Poichè sarai stanco dopo una mezza giornata intensa di viaggio ti puoi concedere un bel taxi fino all'hotel. Ricordati di prendere il numerino come al supermercato. Quando arriverà il tuo turno lo vedrai sul tabellone luminoso.

Giorno 13

Questa giornata ho pensato di trascorrerla a Bangkok giusto per sicurezza. Temendo di perdere il volo di ritorno per Milano in caso di eventuali ritardi di barca, mini bus e eventuale perdita del volo per la capitale, ho preferito fare un giorno in meno al mare e uno in più a Bangkok. Ovviamente dipende da quando il giorno successivo avrai il volo per tornare a casa. Io ce l'avevo poco dopo la mezzanotte quindi ho preferito non rischiare.

Bangkok è enorme quindi puoi sfruttare l'occasione per visitare la zona di Lumphini Park (fermata metropolitana Lumphini), il Pratunam market e per rivedere le zone che ti sono piaciute di più.

Nel tardo pomeriggio puoi visitare il famoso Asiatique, il centro commerciale all'aperto molto turistico e in stile occidentale, con tanto di ruota panoramica. E' una grande area pedonale sul fiume Chao Praya dove potrai fare shopping, mangiare o bere un cocktail e ascoltare musica. L'Asiatique si anima intorno alle 18.00 e si raggiunge utilizzando la solita Orange line. Dal Central Pier devi però navigare nella direzione opposta al Grande Palazzo Reale e scendere alla fermata Wat Rajsingkorn. Ovviamente i prezzi sono piuttosto alti rispetto agli standard della città, ma una visita lo merita, per concludere degnamente la tua vacanza in Thailandia.

Giorno 14

Purtroppo la tua vacanza è finita. Oggi dovrai riprendere la city line verso L'aeroporto Suvarnabhumi o, perchè no, un comodo taxi se sei troppo stanco per usare i mezzi pubblici. 

 

 

...alla prossima avventura...

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Laura Guidi (lunedì, 28 maggio 2018 09:40)

    Vorrei sapere se tra luglio ed agosto è giusto fare questo viaggio e la quotazione. Il volo partendo da Roma devo farlo per conto mio?

  • #2

    Claudia thespinninglobe.com (lunedì, 28 maggio 2018 19:39)

    @Laura Guidi:
    Buonasera Laura.
    thespinninglobe.com non è un tour operator, non organizza viaggi di gruppo e non effettua prenotazioni. E' un portale di consigli di viaggio che si prefigge di aiutare appassionati viaggiatori fai da te a costruire itinerari raccogliendo informazioni in rete e offrendo un po' di esperienza diretta. Gli itinerari pubblicati sono a scopo informativo per tutti coloro che vogliono vivere la medesima esperienza.
    Detto questo rispondo alle tue domande: luglio e agosto non sono i mesi migliori per visitare la Thailandia per via dei monsoni. Tuttavia non è un viaggio impossibile in quei mesi e la prova sono i milioni di turisti che ogni estate si recano in questo splendido paese. Con i giusti accorgimenti potrai comunque regalarti una magnifica vacanza: leggi il paragrafo "Clima: quando andare".
    Io ho speso circa 1900 euro tutto compreso (volo diretto, hotel di buona categoria, cibo, bevande, visite ed extra). Se necessiti di info dettagliate non esitare, sarò lieta di aiutarti. Compila il form di contatto o scrivimi una mail o un messaggio sulla pagina facebook. A presto,
    Claudia
    thespinninglobe.com