Italia: la Sicilia Orientale

Itinerario di una settimana tra arte barocca e natura: da Taormina a Ragusa, dalle spiagge del Siracusano alla cima del vulcano Etna per vivere una grande avventura.

La Sicilia Orientale, affacciata sul mar Ionio, è costellata da capolavori dell'arte barocca  immersi in un ambiente naturale di straordinaria bellezza. Si parte da Catania, città vivace con un bel centro storico e una bellissima vista sul vulcano Etna, si prosegue con una piccola deviazione verso l'elegante Taormina, che merita qualche ora per chi non l'ha mai vista, per poi puntare verso sud, prendere base nella meravigliosa Siracusa e da qui visitare le bellissime spiagge della costa, l'oasi naturale di Vendicari, Noto, Marzamemi, Capo Passero, Modica e Scicli per giungere infine a Ragusa. Da Ragusa, si farà ritorno a Catania, da cui si salirà al rifugio Sapienza sul Monte Etna, il vulcano attivo più alto d'Europa (oltre 3.300 metri slm).

Durante il viaggio, grande protagonista sarà anche la ricca e profumata cucina siciliana a base di pesce e crostacei, pasta fatta in casa, arancini,  riso e cous cous, arrosti e polpette, formaggi quali ricotta e caciocavallo, il tutto accompagnato dai frutti locali della terra quali olive, mandorle, pistacchi, pomodori, melanzane, limoni, arance, capperi e tutte le erbe aromatiche quali origano, menta e rosmarino che crescono spontanee in tutta l'isola. Per non parlare dei dolci, vere prelibatezze da non perdere assolutamente, dai cannoli siciliani alla pasta di mandorle, dalle granite con panna e brioche alla cassata. Impossibile non tornare a casa con qualche chilo in più.  

Ok...si parte !

Posizione

La Sicilia è la più grande isola italiana e la più grande di tutto il bacino del mediterraneo. E' bagnata a nord dal Mar Tirreno, a Est dal mar Ionio, a sud e a ovest dal Mare Mediterraneo. Lo stretto di Messina, ampio 3 km,  la separa dalla penisola italiana mentre a sud il canale di Sicilia la separa dal continente africano. 

Come si raggiunge

Il mezzo più comodo e veloce per raggiungere la Sicilia Orientale è l'aereo. L'aeroporto internazionale di Catania - Fontanarossa è il più grande di tutto il sud Italia e le più note compagnie aree di linea e low cost  lo collegano alle principali città Italiane ed Europee.

Trasporti

Noleggiare un'auto è il modo migliore per visitare la Sicilia in libertà. Vi è un servizio di autobus che collega le città principali della costa ma diventerebbe difficoltoso raggiungere i piccoli centri e visitare i luoghi naturalistici più belli. La rete stradale in questa parte dell'isola è buona e presso l'aeroporto di Catania puoi trovare diverse compagnie che noleggiano auto. Se viaggi in alta stagione, da giugno a settembre, ti consiglio di prenotare onlineI prezzi vanno da 20 a 40 euro al giorno a seconda dell'auto scelta. Per viaggiare in Sicilia è sufficiente un auto di medie dimensioni. 

Dove dormire

In Sicilia ci sono moltissime strutture dove poter dormire, dai b&b agli hotel più raffinati, c'è solo l'imbarazzo della scelta. All'interno dell'itinerario, al termine di ogni giornata o ad ogni cambio destinazione ci sono dei consigli, ma se vuoi cercare da solo la sistemazione che fa per te usa il box di ricerca qui sotto.

Booking.com

Itinerario di una settimana

1 giorno

arrivo a Catania - visita di Taormina

2 giorno

partenza per Siracusa - visita della città

3 giorno

Siracusa - Oasi di Vendicari - Marzamemi 

4 giorno

Siracusa - giornata di relax al mare

5 giorno

Noto - Capo Passero - Modica - Ragusa

6 giorno

visita di Ragusa e viaggio verso il rifugio Sapienza (monte Etna)

7 giorno

hiking sull'Etna - ritorno a Catania

8 giorno

Volo di ritorno

1 giorno

Arrivato all'aeroporto di Catania - Fontanarossa, recati presso l'agenzia di noleggio auto dove hai effettuato la prenotazione. Alcune hanno la sede nelle vicinanze dell'aeroporto, quindi ti daranno un luogo di ritrovo dove una navetta passerà a prenderti. Una volta espletate le pratiche burocratiche e controllato bene lo stato dell'auto sei pronto a partire per il centro di Catania (7 km - 15 minuti) e raggiungere l'hotel che hai scelto, preferibilmente vicino alla Cattedrale. Se l'hotel che hai scelto non ha un parcheggio privato non temere. E' facile trovare parcheggio con strisce blu per 0,50 centesimi di euro all'ora.

Una volta sistemato sei pronto per scoprire il centro storico della città: la Via Etnea ricca di negozi e locali, piazza dell'Università e piazza del Duomo, con la  magnifica Cattedrale di Sant'Agata, protettrice della città, e la fontana dell'elefante. Da non perdere il mercato del pesce che si tiene nei giorni feriali dietro alla piazza, dove ci sono anche molti ristoranti e take away che preparano dell'ottimo pesce fresco. In alternativa puoi sempre assaggiare i tuoi primi arancini al ragù.

Nel pomeriggio prendi l'auto, imbocca l'autostrada in direzione Messina e prendi l'uscita per Taormina (circa 50 km e poco meno di un ora di percorrenza) L'accesso alla cittadina è solo pedonale, al di fuori puoi trovare diversi parcheggi a pagamento dove potrai lasciare l'auto.

Taormina si trova sopra un colle  a picco sul mare, da cui si gode di una vista davvero straordinaria sul mare e la costa circostante. Passeggia per le splendide viuzze del centro ricche di negozi di alta moda, artigianato locale e ristoranti per tutti i gusti. Non dimenticare però la principale attrattiva: il teatro greco. Il biglietto d'ingresso costa 10 euro, il biglietto ridotto costa invece 5 euro. E' aperto ogni giorno con i seguenti orari:

 

Dal 1 Gennaio al 15 Febbraio 09:00 - 16:00

Dal 16 al 28 Febbraio  09:00 - 16:30

Dal 1 al 15 Marzo 09:00 - 17:00

Dal 16 al 31 Marzo 09:00 - 17:30

Dal 1 al 30 Aprile 09:00 - 18:30

Dal 1 Maggio al 31 Agosto 09:00 - 19:00

Dal 1 al 15 Settembre 09:00 - 18:30

Dal 16 al 30 Settembre 09:00 - 18:00

Dal 1 al 15 Ottobre 09:00 - 17:30

Dal 16 al 31 Ottobre 09:00 - 17:00

Dal 1 Novembre al 31 Dicembre 09:00 - 16:00

 

Il teatro gode di una acustica perfetta e vi si svolgono ancora concerti e spettacoli teatrali in occasione di manifestazioni quali Taormina Arte e il Taormina film fest. Inoltre la vista è davvero mozzafiato.

Puoi scegliere se cenare a Taormina o rientrare a Catania. In entrambi i casi non rimarrai deluso. La cucina è ottima ovunque, del resto sei finalmente in Sicilia.

2 giorno

Dopo una bella colazione con granita e brioche sali in auto e dirigiti verso sud: Siracusa ti aspetta. 

Il sole accecante, il profumo del mare, l' arte barocca, i resti archeologici greci e romani e la sua vivacità ne fanno una città unica e una base d'appoggio perfetta per qualche giorno per visitare questa parte di Sicilia.

Il suo centro storico si trova su un’isola, l’isola di Ortigia, collegata al resto della città da due ponti, il ponte Umbertino e il ponte Santa Lucia.

Una cosa che devi assolutamente sapere è che Ortigia è una zona a traffico limitato (ZTL) e che l'accesso e la circolazione dei veicoli è interdetta, soprattutto nei week end, ad orari prefissati che cambiano in base ai giorni della settimana e alle stagioni. Ti consiglio pertanto di prendere accordi con la struttura ricettiva dove hai scelto di alloggiare. Lo staff del tuo hotel o il proprietario dell'appartamento possono informarti sugli orari della ZTL in vigore nel giorno e nell'orario del tuo arrivo e darti istruzioni su come raggiungerli. Alcuni dispongono di un parcheggio privato riservato ai clienti, in caso contrario puoi lasciare l'auto in uno dei parcheggi presenti ai margini dell’isola, come per esempio il parcheggio della Marina o il parcheggio Talete. Il costo si aggira intorno ai 10 € al giorno, spesso però chi accoglie i turisti dispone di convenzioni che ti consentiranno di risparmiare (esempio 20 € per 3 giorni).

 

L’isola di Ortigia è un labirinto di viuzze strette molto caratteristiche dove si alternano negozi e piccoli ristoranti con tavoli all’aperto dove gustare le prelibatezze della regione. 

Passeggiando per l’isola scoprirai  il castello Maniace, la fonte Aretusa e la fontana di Diana, ma ciò che davvero ti toglierà il fiato per la sua bellezza sarà la maestosa piazza del Duomo. Davvero incredibile.

Se sei appassionato di archeologia , a Siracusa devi assolutamente visitare il Parco Archeologico della Neapolis, a tutti gli effetti un museo a cielo aperto con i resti della Siracusa greco-romana. Da non perdere all’interno del parco il teatro greco e l’orecchio di Dionisio.

La biglietteria è aperta tutti i giorni, da lunedì a domenica,  dalle ore 8.30 alle ore 18.00. L’ingresso costa 10 € a persona mentre costa 5 € il biglietto ridotto.

Ogni anno, presso il teatro greco di Siracusa, si tiene tra maggio e luglio il festival delle rappresentazioni classiche.

Ecco gli spettacoli in programma per il 2018:

 

Dal 10 Maggio 2018 al 23 giugno 2018 – ‘Eracle’, Euripide – regia di Emma Dante

Dall’11 maggio 2018 al 24 giugno 2018 – ‘Edipo a Colono’, Sofocle – regia di Yannis Kokkos

Dal 29 giugno 2018 all'8 luglio 2018 – ‘I Cavalieri’, Aristofane – regia di Giampiero Solari

 

Per acquistare i biglietti clicca qui

 

In serata goditi una bella passeggiata sul lungo mare intorno all'isola di Ortigia, dove i locali si animano servendo gustosi aperitivi e i ristoranti cominciano a cucinare del pesce freschissimo.

3 giorno

Se sei un amante della natura recati di buon mattino ad esplorare la riserva naturale Oasi Faunistica di Vendicari (43 km in circa 40 minuti). Per arrivarci segui le indicazioni di google maps, ma attenzione quando sei in zona. La riserva è vasta e a seconda del luogo che vuoi visitare devi scegliere la giusta deviazione verso il mare su strade in parte sterrate immerse nella campagna. Stai attento quindi anche alle indicazioni che trovi sulla strada. 

Questa Oasi è stata istituita dalla Regione Sicilia nel 1984 ed è caratterizzata da un ambiente caldo e umido ricco di molteplici specie di flora e fauna, da un mare cristallino e spiagge da sogno.

 

Qui potrai semplicemente goderti il sole, il mare e il silenzio, fare delle passeggiate  sui sentieri ben segnalati della riserva e fare birdwatching.  

Le spiagge dove potersi rilassare, da nord a sud, sono le seguenti:

-Spiaggia di Eloro 

Il parcheggio giornaliero costa 2,5 euro per le auto, 1,5 euro per le moto e 5 euro per i camper. Vi è un piccolo bar e docce.

-Spiaggia Marianelli

Molto selvaggia ed isolata si raggiunge a piedi dalla spiaggia di Eloro

-Spiaggia Calamosche

Sicuramente la più famosa, lunga circa 200 metri si trova in una piccola baia protetta da due promontori rocciosi. Si raggiunge con una deviazione dalla strada provinciale 19. Il parcheggio costa 3 euro al giorno. Da qui una gradevole passeggiata di 15 minuti per arrivare.

-Spiaggia di Vendicari

Si raggiunge dall'ingresso principale della riserva dopo una breve passeggiata. La spiaggia è sabbiosa con fondale basso.

-Spiaggia di San Lorenzo

Si trova appena fuori la riserva ma ne mantiene le caratteristiche ambientali. Spiaggia di sabbia alternata a rocce con servizi.

Se ti piace camminare e la stagione lo consente, vi sono all'interno della riserva degli itinerari che ti consentiranno di immergerti profondamente in questo ambiente naturalistico meraviglioso:

- Itinerario blu

Passeggiata dalla spiaggia di Eloro alla spiaggia di Calamosche (5,6 km)

- Itinerario arancione

Passeggiata dall'ingresso principale della riserva fino alla spiaggia di Calamosche, passando per la spiaggia di Vendicari, la vecchia tonnara e la torre Sveva (4,3 km)

- Itinerario verde

Passeggiata dalla cittadella Maccari, villaggio Bizantino sorto nel VI secolo dc adiacente la spiaggia di San Lorenzo fino alla vecchia tonnara, visitando lungo il percorso la necropoli bizantina (5 km).

 

I sentieri non sono per nulla difficoltosi. L'unico vero problema può essere il caldo in estate. Porta con te sempre una buona scorta di acqua, occhiali da sole, cappello e crema protettiva.

Nel tardo pomeriggio puoi visitare il piccolo borgo marinaro di Marzamemi, che dista pochi km dall'oasi di Vendicari. Devi lasciare l'auto ai margini del centro storico ed entrarvi a piedi poichè è area pedonale.

Il fulcro del paese è sicuramente l'affascinante piazza Regina Margherita, tutt'intorno le vecchie case dei pescatori ora  piccoli negozi di artigianato e locali caratteristici dove rifocillarsi con un aperitivo o con una bella cena a base di pesce.

Scegli il tuo tavolo !

4 giorno

Vista la giornata intensa di ieri, perchè non dedicare un po' di tempo al relax e alla lentezza ? In fondo sei in vacanza.

Se il tempo e il clima lo consentono, nei dintorni di Siracusa ci sono molte spiagge attrezzate dove poter trascorrere la classica giornata al mare. Ecco le principali, sia attrezzate che libere, tutte con sabbia bianca e mare cristallino poco profondo, adatto anche ai bambini:

-spiaggia Arenella (11 km da Siracusa)

-spiaggia Fontane Bianche (16 km da Siracusa)

-spiaggia di Avola (26 km da Siracusa)

Se ami davvero il mare, sei un po' selvaggio e ti piace camminare, a una manciata di km da Siracusa c'è l'area marina protetta del Plemmirio, un promontorio tutto da esplorare, con scogliere a picco su un mare meraviglioso e angoli riservati dove poter riposare lontano da occhi indiscreti.

 

5 giorno

Oggi è una giornata di trasferimento da Siracusa a Ragusa, con delle tappe intermedie che sono delle vere e proprie perle.

Ovviamente scegli tu dove fermarti, in base ai tuoi gusti, io ti indico solo ciò che nella zona vale la pena vedere.

Noto

Dista 30 km da Siracusa ed è considerata la capitale del Barocco. Il suo centro storico è patrimonio dell'umanità UNESCO dal 2002 ed è caratterizzata da scenografiche piazze e imponenti scalinate. Nel cuore del paese da visitare sicuramente la cattedrale di San Nicolò costituita da tre navate ricche di opere d'arte

Modica

Così come Noto, anche Modica è una città barocca patrimonio dell'umanità UNESCO dal 2002. Meravigliosa e particolarmente pittoresca per la sua posizione su un colle, con le case costruite una vicinissima all'altra. Visitare Modica richiede gambe e fiato, almeno per arrivare sull'altura dove si trova il Duomo di San Giorgio, classico esempio di barocco siciliano.

Modica è famosa nel mondo anche per la sua produzione di cioccolato con una ricetta di derivazione Azteca, che prevede una particolare lavorazione della pasta di cacao e la cottura a temperature basse, che ne danno una consistenza granulosa. Non scordarti quindi di fare visita ad una delle molte cioccolaterie della città, dove potrai assaggiare e acquistare il cioccolato modicano nei gusti più svariati quali arancia, limone, peperoncino, pistacchio, cannella. vaniglia, gelsomino e, credeteci o no, c'è anche al sale di Trapani, il mio preferito. 

Scicli

Se ancora non ti sei stancato di visitare città barocche, puoi completare il tour fermandoti brevemente a Scicli. Cittadina anch'essa inserita nella lista dei luoghi patrimonio dell'umanità UNESCO, è un piccolo gioiello reso famoso soprattutto dalle riprese della serie TV "Il Commissario Montalbano", tratta dai libri dello scrittore Andrea Camilleri. La stazione di polizia del paese di fantasia Vigata non è altro che il municipio di Scicli.

Porto Palo di Capo Passero

Nel tuo viaggio di avvicinamento a Ragusa, se l'architettura Barocca non fa per te e preferisci il mare, ti consiglio di recarti a Porto Palo di Capo Passero, la punta più meridionale della Sicilia, con lunghe spiagge di sabbia fine e mare cristallino.

 

Dopo un'intensa giornata di trasferimento a tappe, preparati a rimanere a bocca aperta. Percorrendo una panoramica strada a curve tra le verdi colline ecco Ragusa nella sua straordinaria bellezza. Scegli uno dei tanti ristoranti dove gustare un ottima cena siciliana e goditi l'atmosfera della città di notte.

6 giorno

Dedica la mattinata a visitare la città vecchia: chiamata Ragusa Ibla dai monti Iblei che la circondano, è un vero gioiello. Un dedalo di viuzze pedonali culminano nella piazza di San Giorgio al cospetto dell'omonimo Duomo, un altro degno rappresentante dell'architettura barocca siciliana. Goditi una bella passeggiata tra palazzi, chiese e botteghe di prodotti tipici e lasciati conquistare dal fascino di questo angolo di paradiso.

Una volta lasciata Ragusa, se sei come me un fan delle avventure del commissario Montalbano, non puoi non fare una piccola deviazione verso il mare di Punta Secca, dove si trova un famosissimo luogo da immortalare in una bella foto. Già che ci sei perchè non cedere ad un buonissimo piatto di cozze alla marinara da Enzo a mare ?

Dopo esserti rilassato un po' al sole è il momento di ripartire alla volta del vulcano Etna e raggiungere in un paio d'ore il mitico Rifugio Giovanni Sapienza via Nicolosi.  A 1910 metri di altitudine potrai goderti un bel tramonto su Catania e il suo mare e un'ottima e abbondante cena al ristorante del rifugio.

Dove dormire sull'Etna

Rifugio Sapienza

7 giorno

Oggi ti aspetta una bellissima giornata, un' escursione pazzesca sul vulcano attivo più alto d'Europa. Il vulcano Etna è alto infatti circa 3300 m e presenta sempre sulla sua sommità un pennacchio di fumo, a conferma del fatto che la sua attività è costante. A periodi di relativa quiete alterna periodi di eruzione che possono durare diverse settimane. Fumo denso, lapilli, gas, e consistenti colate di lava incandescente ne modificano continuamente la forma e l'altezza.

Una delle caratteristiche principali dell'Etna è che ha almeno 4 crateri sommitali che possono essere visitati con una escursione organizzata dal gruppo delle guide etna sud. 

L'escursione, della durata di circa 6 ore, prevede:

 

il ritrovo intorno alle ore 10.00 presso la casa delle guide, proprio davanti al rifugio Sapienza, 

-  la salita con la funivia a quota 2500 metri 

-  il proseguimento a piedi con un facile trekking per raggiungere i crateri sommitali fino a oltre 3000 metri di altezza.

 

Purtroppo la possibilità di avvicinarsi ai crateri dipende dalle condizioni del vulcano e per motivi di sicurezza le guide dovranno rispettare i limiti imposti dalle autorità competenti. Ciò non toglie che l'escursione ti consentirà di vivere da vicino il vulcano e ti godere di un ambiente davvero unico. 

Poichè l'altitudine che si raggiungerà sarà elevata non bisogna sottovalutare il vento e il freddo, anche se si è in piena estate. 

Si consiglia di indossare scarponi alti sulle caviglie, noleggiabili sul posto, dei pantaloni lunghi e un windstopper. L'abbigliamento aiuta anche a proteggersi da eventuali cadute perchè la lava sulla quale si cammina è molto tagliente.

Le guide ti forniranno invece un casco protettivo e racchette. Per il resto bisogna portare con sè tutto ciò che può essere utile durante una qualunque escursione in montagna, quindi crema solare, occhiali da sole, acqua e un pranzo al sacco.

L'escursione con una guida costa 70 €, funivia compresa. Per informazioni puoi scrivere a info@etnaguide.com.

 

Ovviamente il trekking non è l'unico modo per salire sull'Etna. Si possono acquistare presso la biglietteria della funivia dei tickets che comprendono oltre alla funivia anche il proseguimento in fuoristrada.

Se invece te la senti puoi partire a piedi direttamente dal rifugio Sapienza, ma senza l'accompagnamento di una guida non ti sarà possibile accedere alle aree più interessanti, e sarebbe un vero peccato.

Al termine della tua escursione una bella birra ghiacciata al rifugio ci sta tutta, e poi via...in viaggio verso Catania dove trascorrerai la tua ultima notte in terra Siciliana.

Dove dormire a Catania

Valgono gli stessi consigli del primo giorno

8 giorno

Oggi ti aspetta il breve viaggio verso l'aeroporto di Catania e il tuo ritorno a casa. Porterai con te per sempre il ricordo di questa meravigliosa isola. 

Alla prossima avventura...

Vuoi vedere altri itinerari ?

Scrivi commento

Commenti: 0